Programma

Stiamo finalizzando il Programma dell’Offerta Formativa, ma, come già detto al convegno, stiamo pianificando una scuola a tempo pieno su cinque giorni alla settimana.

Aurion accoglie i programmi ministeriali italiani (o meglio le Indicazioni Nazionali del Curriculo) ma li potenzia sia dal punto di vista dei contenuti che degli obiettivi formativi.

L’Inglese come prima lingua straniera avrà uno spazio importante, quotidiano, di almeno un’ora al giorno, e potenziato anche dal coinvolgimento delle famiglie. L’Inglese, come qualsiasi lingua, non deve essere solo materia scolastica ma deve essere esperienza di vita, solo in questo modo può essere appresa in modo naturale e duraturo (in questo abbiamo molto da imparare dall’esperienza dei paesi nordici).

Inoltre particolare attenzione verrà data all’area matematico scientifica, in questo caso l’impegno sarà non tanto nell’aumentare il numero di ore dedicate a queste materie ma nella qualità dell’insegnamento e dell’istruzione. Nel creare strumenti e metodologie di lavoro che da un lato promuovano l‘indagine personale (la matematica non è fatta di formule e di esercizi, ma di ragionamenti) e dall’altra facciano fare Ooohhhh ai bambini (le scienze hanno in sè lo sguardo di stupore e meraviglia verso il mondo).

Ovviamente ci sarà anche ampio spazio per le attività fisiche e il gioco. Che verrano valorizzati prima di tutto nello strutturare la routine quotidiana in modo da rispettare le esigenze dei bambini e sfruttare al massimo la loro capacità di attenzione, la ricerca infatti dimostra che le scuole più efficaci (dal punto di vista dell’apprendimento scolastico) sono anche quelle che prevedono una buona alternanza tra attività cognitiva e gioco. (Stevenson and Stigler).

A ciò si affianca ovviamente l‘obiettivo formativo, pure primario. Di coltivare cioè nei bambini la capacità di pensare e di agire, la fiducia in sè stessi, autonomia, flessibilità, creatività, capacità di comunicare e collaborare ormai imprescindibili nella società moderna.